Libreria Android IO per BieMme Pltouch

In uno dei nostri articoli precedenti, abbiamo presentato il Pltouch, un touch screen HMI basato su Android con uno speciale set di I/O direttamente indirizzabili dal codice Java. 

In questo articolo, vi vogliamo presentare quali sono i principi di funzionamento della libreria Pltouch, libreria fornita gratuitamente con ogni Pltouch. Questa libreria Android si pone come ponte tra il mondo Android e quello più a basso livello dell’I/O.

Entrando più in dettaglio, dopo aver importato la libreria nel workspace di Eclipse ci sono due modalità con cui il codice del progetto principale può essere strutturato. In entrambi i casi, bisogna:

  • Creare un’istanza della libreria I/O
  • Memorizzare questo riferimento per esempio in un campo privato/pubblico dell’activity Android
  • Inizializzazare la libreria fornendo i parametri necessari

Ora prendiamo in rassegna ogni singolo punto e lo analizziamo attraverso dei semplici esempi.

Continue reading

Come configurare Android adb senza mini-usb

android serial lines debugCome presentato in un post precente, il demone adb (nell’host device) può essere impostato in modo tale da accettare le richieste di connessione da wifi o ethernet invece che da usb. Questo procedimento è comune per la maggior parte degli smartphone/tablet Android e per ottenere tutto ciò bisogna almeno avere a disposizione la connessione serial usb grazie alla quale alcuni comandi di inizializzazione vengono spediti.

Il connettore mini-usb è molto buono e compatto, ma se siete nella situazione in cui avete la necessità di staccare il cavo e riattaccarlo moltissime molte, potrebbe succedere che nel lungo periodo questo si rompa e non funzioni più. Come conseguenza, avere un connettore che non funziona, vuol dire che non potete più caricare i vostri apk, fare il debug ed in generale controllare il device Android.
Continue reading

Come creare Android System app con i Pannelli Ltouch

Android software stackL’argomento di cui vi vogliamo parlare oggi riguarda il modo con cui è possibile creare Android System app con qualsiasi pannello touch Ltouch F, FW (Wifi) o development boards Ltouch S and SW (Wifi).
Un’ Android system app è una speciale applicazione che ha altri privilegi privilegi rispetto alle user apps e che non vivono nella sandbox standard delle applicazioni normali.

Esempi di azioni che possono essere ottenuti attraverso applicazioni Android di sistema sono:

  • Installare o rimuovere altre applicazioni
  • Eseguire comandi in modalità super user con il comando Java: Runtime.getRuntime.exec
  • Accesso ai permessi di basso livello per interagire con la piattaforma
  • Pieno accesso alle risorse del device

Continue reading

Automazione Industriale con Android: un’introduzione al Pltouch

Pltouch processors schemaI progetti di automazione industriale e domotica utilizzano un ampio spettro di prodotti, come per esempio sensori, pannelli touch screen, moduli esterni, PLC, moduli HMI per risolvere problemi specifici e gestire vincoli stringenti in termini di affidabilità e precisione. Il panorama attuale mostra una netta distinzione tra i componenti che gestiscono la logica e quelli che si preoccupano dell’interfaccia utente, molto spesso utilizzando un bus comune per la comunicazione e l’aggionamento di stato. 

Sulla base di questo stato dell’arte, il nostro research and development lab, ha creato e sviluppato un nuovo prodotto con l’intento di unire alcuni dei prodotti di cui sopra, con il fine di ridurre la complessità finale, proporre un’interfaccia utente avanzata ma soprattuto diminuire il costo. 

Continue reading

Automazione Industriale con Android: Acquisizione di 6 sonde pt100

Il video che vi vogliamo presentare in questo post riguarda un esempio di Automazione Industriale con Android. In particolare, vi faremo vedere un progetto che abbiamo realizzato in cui un touch HMI AndroidLtouch F, equipaggiato di un microprocessore Cortex A8 a 1Ghz controlla un’espansione RS485 analogica, nello specifico ho usato un modulo espansione bm6PTI.

Dall’interfaccia touch screen Android è possibile:

Acquisire distintamente 6 sonde di temperatura mod. PT100 classe B attraverso un’ espansione in RS485 utilizzando una comunicazione modbus ad una velocità di 19200 bps

Volendo è possibile estendere l’applicazione aggiungendo altri moduli di espansione fino ad un totale di 250 bm6PTI con un’ acquisizione di 1500 sonde di temperatura.

Continue reading

Nuovo Pannello Touch Android con Wifi

Android Touch Panel Rear CoverSiamo orgogliosi di annunciare che un nuovo prodotto è stato rilasciato nel nostro on line store. E’ un pannello touch Android per progetti HMI di automazione industriale e domotica.

Si caratterizza di un display multi touch capacitivo da 7″ con un processore SoC Samsung Cortex A8 ad 1Ghz, 512 MB DDR RAM dotato di molte interfaccie di comunicazione quali per esempio RS485, RS232, I2C, SD, Camera e molte altre.

La caratteristica addizionale che contraddistingue questo pannello touch è il pieno supporto a Ethernet come anche a reti WAN 802.11 b/g/n.

Il prodotto è disponibile in due versioni:

  • Ltouch FW ha una cornice frontale in alluminio anodizzato e brillantato di spessore 5mm e cover di protezione posteriore. Grazie a questi layer di protezione e ad un particolare processo di assemblaggio, il prodotto raggiunge un livello di protezione IP54 nella parte frontale (acqua e polvere).
  • Ltouch SW è una scheda di sviluppo che ha le stesse caratteristiche del pannello touch Ltouch FW ma non ha la cornice frontale e la cover di protezione posteriore. In questo caso, questo prodotto è utile nel caso di installazione in strutture già preesistenti.

Convertitore di ingressi analogici per Arduino e non solo: bmANA

La scheda bmANA risulta essere un elemento indispensabile quando si acquisisce ingressi analogici con Arduino.

convertitore input analogici 4-20ma arduino bmAna

Convertitore Input Analogici 0-10V, NTC/PTC e 4-20ma per Arduino

Vi vogliamo presentare una semplice, ma utilissima scheda di acquisizione segnali analogici di nostra fornitura ed acquistabile nel nostro store.

Sappiamo che nel mondo della domotica ed in particolar modo in quello industriale, aver a che fare con ingressi in corrente 0-20 mA / 4-20 mA oppure in tensione 0-10 Volt o termocopie Ptc/Ntc è all’ordine del giorno. Chiunque utilizza Arduino sà che le board acquisiscono solamente ingressi analogici in tensione con risoluzione 10bit. Per questo abbiamo pensato e costruito una piccola scheda che converte i segnali analogici in tensione 0..5 Volt sempre con la stessa risoluzione.

Con delle semplici operazioni è possibile acquisire 4 distinti ingressi analogici e convertirli in tensione 0..5 Volt con una risoluzione di 10 bit.

Inserendo degli switch è possibile scegliere tra tre modalità di acquisizione:

  • in Corrente: 0..20 mA
  • in Tensione: 0..10 V
  • termocopie: PTC o NTC

Con una doppia alimentazione, 5 Vdc oppure 24 Vdc, si presta benissimo in tutti i campi di applicazione.

I morsetti a vite posti dalla parte di acquisizione rendono facile e sicuro il collegamento degli ingressi analogici.

Attraverso una flat con a capo una spina RJ45 è possibile collegarla alla nostra scheda Bmini semplicemente inserendo il connettore alla presa J8.

Avendo la possibilità di acquisire 4 ingressi distinti, con una sola scheda bmANA riusciamo ad acquisire gran parte di sensori presenti nell’automazione industriale e domotica.

Nel prossimo post andremo a vedere nel dettaglio come collegare le varie tipologie di ingresso.

Come Montare Flash Memory aggiuntive in Android

In tutti i pannelli Ltouch, non appena una pen drive viene collegata ad uno dei quattro connettori USB disponibili, il sistema Android la carichera’ automaticamente (monta in gergo tecnico) in /mnt/usb e si potra’ verficiare l’effettivo caricamento andando su System Preferences/Storage.

Cio’ succede solamente per la prima flash memory USB connessa. Se avete la necessita’ di utilizzare più pen drive, allora è necessario installarle manualmente ed istruire Android in modo tale che riesca a gestirle correttamente. Questo è il tema principale dell’articolo. Continue reading